ControInformo

Dataminr – FBI monitora 500 milioni di tweet ogni giorno?

Dataminr – FBI monitora 500 milioni di tweet ogni giorno?
novembre 18
15:34 2016

Dataminr – L’FBI avvia una partnership con la società leader nel data mining che consentirà all’agenzia governativa di accedere, in tempo reale, ai 500 milioni di messaggi giornalieri di Twitter

A partire dal primo Dicembre 2016, l’FBI sarà a conoscenza, in tempo reale, grazie all’accordo con la società “Dataminr”, di tutti i tweet postati su Twitter. Quasi 500 milioni di pubblicazioni giornaliere, una cifra in costante aumento.
Questo accesso a Twitter senza eguali, è una prima assoluta per l’FBI: attualmente la piattaforma consente l’accesso solamente all’1% di tutti i messaggi scambiati in Rete, secondo un documento pubblicato dall’FBI.

L’obiettivo dell’agenzia federale è chiaro: “Twitter è utilizzato dalle organizzazioni terroristiche e criminali per comunicare, reclutare e raccogliere fondi per le loro attività illegali. L’uso di sempre più popolare Twitter, utilizzato anche da persone sottoposte a indagini da parte dell’FBI, è di vitale importanza per fornirci uno strumento per identificare tutte le informazioni utili che provengono da Twitter tempestivamente.”
Dataminr è l’azienda di riferimento nel campo del data mining, nell’insieme, cioè, delle tecniche e delle metodologie che hanno per oggetto l’estrazione di un sapere o di una conoscenza a partire da grandi quantità di dati, attraverso metodi automatici o semi-automatici, dati che poi vengono utilizzati in campo scientifico, industriale o operativo. Twitter, ad oggi, possiede il 5% di Dataminr.DataminrNel gennaio 2013, il Servizio di Sicurezza della Casa Bianca aveva fatto ricorso all’utilizzo di Dataminr durante l’inaugurazione di Barack Obama, monitorando i tweet ritenuti rilevanti.

Twitter sembrava aver fatto marcia indietro sulla sua politica di collaborazione con le autorità statunitensi, revocando l’accesso a Dataminr alla CIA nel Maggio scorso, osservando che i dati sono in gran parte del pubblico e il governo degli Stati Uniti è in grado di identificare i conti pubblici da solo, come ogni utente.

Sebbene Twitter non abbia ancora confermato l’accordo, l’FBI sembra aver riconosciuto, almeno indirettamente, il coinvolgimento del social network in questa partnership: Come parte della nostra ricerca, abbiamo contattato Twitter, che ha confermato l’accesso ai dati di Dataminr.

Traduzione e sintesi di Nico ForconiControInformo.info

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Tags
FBI

Autore

ControInformo

ControInformo